Giovedì 14 Novembre 2019

La Polizia di Stato appone i sigilli ad un ristorante. 10 i giorni di sospensione della licenza per il titolare In evidenza

Vota questo articolo
(3 Voti)
Venerdì, Agosto 16, 2019 10:19

 Il Questore di Roma, Carmine Esposito, esaminata la proposta presentata dal Commissariato di Pubblica Sicurezza di Civitavecchia, ha disposto la sospensione della licenza, per 10  giorni, nei confronti del titolare di un noto ristorante della città

Il provvedimento  è stato adottato a seguito dell’intervento effettuato lo scorso 2 agosto,  quando gli agenti del Commissariato di Viale della Vittoria, durante mirati servizi di Polizia Giudiziaria e di Polizia Amministrativa, avevano arrestato, nella flagranza di reato per spaccio, il proprietario del locale trovato in possesso di 3 dosi di cocaina, già pronta per lo spaccio, nascosti nella tasca dei pantaloni, proprio mentre era intento a svolgere la propria attività lavorativa all’interno del locale. Ulteriori 8 grammi di hashish erano nascosti  in un cassetto del registratore di cassa dell’esercizio commerciale, mentre, circa 1 kg. di cocaina e materiale utile al confezionamento, veniva sequestrato presso l’abitazione dell’uomo. La sospensione della licenza trova fondamento nella circostanza che il locale rappresenta una base logistica per l’illecita attività messa in piedi dal titolare, trasformandolo facilmente in un ritrovo di pregiudicati e  soggetti dediti all’uso ed al traffico di stupefacenti. Nella mattinata odierna gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Civitavecchia hanno notificato al titolare del ristorante l'ordinanza di chiusura ed apposto i sigilli al locale. La chiusura ha quale obiettivo principale quello di preservare l’ordine pubblico, la moralità pubblica e la sicurezza dei cittadini, tutelando interessi ritenuti prioritari al fine di assicurare e garantire la serenità sociale.

 

Share |
Ultima modifica il Venerdì, 16 Agosto 2019 13:50